CANTORES Y GUITARRAS, UN CANTO A LA REVOLUCION

DiMike*01

CANTORES Y GUITARRAS, UN CANTO A LA REVOLUCION

Si muere el canto, quien defendera la lucha?

que sera del que calla la verdad,

del que tiene el poder de hablar y lo olvida,

quien defendera la justicia de los humildes?

De tanta confusion, me canso,

de la falta de razon,

nuestro derecho es la represion,

que mundo es este?

La violencia por doquier,

la pobreza y desempleo,

es la gran evolucion,

que es esto? es educacion?!

Eres sangre guerrera,

llena de fuerte vitalidad,

sabes, olvidar el Sol y el mar,

eso si, es querer llorar.

Antes nos reiamos de todo y nada,

la felicidad que es inocente,

antes yo, ya lo sabia,

sabia que no es asi el futuro.

Creer en el diablo de dia,

buscar el infierno y no la luz,

esa es la verdadera agonia,

la que jala el alma.

Tantas ideas nos dividen,

al final nos llevan a nada,

a confundirnos entre hermanos,

a mirar nuestra propia realidad.

Desde hace tiempo lo sabias,

oh! por que te duermes?

ante la vida misma,

piensa en los futuros dias.

Quien a los dioses conocé y no alza la voz,

por los hermanos que sufren y mueren,

de que sirve el humano sin la luz de la vida?

es como tocar la guitarra sin cuerdas.

La vida es un himno de luz,

no es vida ver al pueblo con hambre,

con ilusiones y con la vida explotada,

el pueblo se refugia entre plegarias al cielo.

Que no venza el miedo al que puede,

al que tiene la fuerza de hablar y luchar,

el opresor esconde los delitos con mentiras,

el pueblo aun tiene esperanzas.

Persignate y habla fuerte obrero,

no existe razon alguna para la esclavitud,

deja que llueva la esperanza en ti,

que se ilumine el alma de los de “abajo”.

Llegaron los cantores y sus guitarras,

como las banderas que se unen para todos,

la ignorancia esta en el opresor,

que no deja que el pueblo viva.

Porque todos quieren libertad?

No sé, no se puede hablar tanto,

todos dicen que es una enfermedad,

si, la fiebre a la Revolucion!

Llegaron los cantores y guitarras.


Se muore il canto, chi difenderà la lotta?

che ne sarà di chi tace la verità,

di chi ha il potere di parlare e dimentica,

chi difenderà la giustizia dei poveri?

Di tanta confusione, mi stanco,

della mancanza di ragione,

il nostro diritto è la repressione,

che mondo è questo?

Violenza ovunque,

povertà e disoccupazione,

è la grande evoluzione,

che cos’è questo? è l’educazione?!

Tu sei il sangue guerriero,

pieno di forte vitalità,

Sai, dimenticare il sole e il mare,

quello si, è volere piangere.

Prima noi ridevamo di tutto e di niente,

La felicità che è innocente,

prima io, lo sapevo già,

sapevo che non è cosi il futuro.

Credere nel diavolo di giorno

cercare l’inferno e non la luce,

questa è la vera agonia,

quella che strappa l’anima.

Tante idee ci dividono,

alla fine ci portano a nulla,

a confonderci tra fratelli,

a guardare la nostra propria realtà.

Da tempo che lo sapevi,

oh! perchè ti addormenti?

Davanti alla vita stessa,

pensa ai giorni futuri.

Chi conosce gli dei e non alza la sua voce,

per i fratelli che soffrono e muoiono,

a cosa serve l’uomo senza la luce della vita?

E ‘come suonare la chitarra senza corde.

La vita è un inno di luce,

Non è vita vedere il popolo affamato,

con delle illusioni e la vita sfruttata,

il popolo si rifugia tra le preghiere al cielo.

Che la paura non vinca chi può,

chi ha la forza di parlare e combattere,

l’oppressore nasconde i crimini con delle bugie,

il popolo ha ancora delle speranze.

Segnati e parla forte operaio,

non esiste alcuna ragione per la schiavitù,

lascia che piova la speranza in te,

che sia illuminata l’anima di quelli sottomessi.

Sono arrivati i cantanti e le loro chitarre,

come le bandiere che si legano a tutti,

l’ignoranza è l’oppressore,

che non lascia vivere il popolo.

Perché tutti vogliono la libertà?

Non lo so, non si può parlare così tanto,

tutti dicono che è una malattia,

si, la febbre della rivoluzione!

Sono arrivati i cantanti e le chitarre.

Edith Adelina Niño de Rivera Barron.
Oaxaca, México.

(traduzione a cura di Maricela ZARATE HERNANDEZ)

Info sull'autore

Mike*01 administrator

Per pubblicare un commento, devi accedere